Condividi

Informazioni su: Trasferirsi all’estero in pensione

Grecia: la nuova Legge per pensionati esteri

Trasferirsi in Grecia con la pensione defiscalizzata, magari a Santorini, l’isola più affascinante dell’arcipelago delle Cicladi, nel mitico Mar Egeo.

Un sogno? No, oggi è realtà! Il Governo greco ha approvato di recente ed in via definitiva la nuova Legge di bilancio che comprende la possibilità di richiedere importanti agevolazioni fiscali sulle pensioni private estere, agevolazioni pari ad un’aliquota del 7% sul lordo della pensione per 15 anni. 

La legge greca ricalca in modo evidente la Residenza non Abituale (RNH) portoghese, con tassazione ancora più vantaggiosa (viste le recenti modifiche che hanno visto lo 0% passare al 10% per 10 anni, sempre per pensioni di natura privata in Portogallo) ed un’offerta territoriale da capogiro: Corfù, Atene, Santorini, Creta, Cefalonia sono solo alcune delle località da considerare interessanti per il tuo trasferimento in pensione in Grecia.

 

Posso trasferirmi in Grecia in pensione?

Nonostante la certezza in merito all’approvazione in via definitiva della legge di bilancio greca, non sono ancora pubbliche le disposizioni tecniche in merito alla procedura esatta per l’ottenimento dei vantaggi fiscali descritti nel testo di Legge, per pensionati di natura privata.

Restando in attesa di tali disposizioni REFRAMED si è organizzata con largo anticipo ed è in grado di seguire diverse aree e zone interessanti situate in Grecia: tra queste l’isola dei sogni: Santorini. 

Puoi quindi pensare di partire per un viaggio esplorativo: durante il viaggio potrai cercare un alloggio in affitto e conoscere il territorio di Santorini assieme alla nostra professionista italiana: puoi leggere qui sotto la sua intervista dove ci presenta la sua magnifica isola e la sua storia.

 

pensione in Grecia

Grecia, Santorini

 

Iniziamo a conoscere la Grecia

Nicoletta ci racconta Santorini

 

Nicoletta ha 39 anni, è nata e cresciuta vicino a Milano e per molto tempo ha vissuto in grandi città come Roma e Londra, prima di trasferirsi nella meravigliosa isola di Santorini, in Grecia. Vive qui dal 2017.

Ecco la sua intervista: 

 

Ciao Nicoletta, ci racconti le motivazioni che ti hanno portato a decidere di trasferirti proprio a Santorini?

Ciao a tutti! Mia nonna era greca originaria di Cefalonia e ho sempre sentito il richiamo delle ‘’radici’’. Nel 2005 in un viaggio in solitaria nelle Isole Cicladi sono capitata per sbaglio a Santorini e mi sono sentita subito a casa. Immediatamente ho sognato di trasferirmi e sono tornata in vacanza quasi ogni anno, fino a quando nel 2017 mi sono trasferita in modo permanente. Vivo qui anche d’inverno.

 

Tra le tante località più o meno famose della Grecia hai scelto proprio Santorini. Come mai?

Quando sono arrivata per la prima volta nel 2005 ho alloggiato nel sud, in un piccolo paesino che si chiama Akrotiri.

Ho subito provato la sensazione di aver trovato il mio posto nel mondo. Tornando nel corso degli anni ho potuto iniziare a conoscere la vita del paese in modo più approfondito e per fortuna una volta trasferita ho trovato casa qui, in quel posto che mi ha fatto sentire a casa fin dal primo giorno.

Inoltre, prima di trasferirmi a Santorini vivevo a Londra, dove avevo una vita piuttosto frenetica e avevo bisogno di un cambio netto di vita: l’isola me l’ha decisamente offerto.
Frequentando Santorini dal 2005 avevo una conoscenza piuttosto concreta del posto e una connessione con le persone locali, in particolare con una famiglia che tutt’ora considero la mia seconda famiglia.

 

Quali sono le caratteristiche del luogo che ti hanno colpito positivamente?

Santorini è un’isola oggettivamente meravigliosa ed unica. Il vulcano ha non solo creato un paesaggio incredibile ma ha anche un’influenza a livello di energia sull’isola – per chi ci crede, io sì!

Per questo dicono che Santorini o si ama o si odia. Io faccio parte dei primi! A parte la bellezza, quello che mi ha colpito è stato il fatto che mi abbia accolto come se fossi ritornata a casa, pur non essendoci mai stata. Ha decisamente avuto un impatto positivo sulla mia persona quindi mi ha aiutato a crescere a sentirmi libera ed essere me stessa.

 

pensione in Grecia

Trasferirsi in pensione in Grecia

 

La morfologia dell’isola è molto particolare, ce la descrivi?

Santorini è un’isola vulcanica. Il vulcano è dormiente (ultima eruzione nel 1950) e regala all’isola un paesaggio unico, molto poetico.

La morfologia del terreno è molto particolare, ovunque nell’isola si può constatare la sua natura vulcanica: un esempio sono le spiagge alquanto colorate: infatti sono chiamate Spiaggia Rossa, Bianca e Nera. Il colore della sabbia documenta le diverse ere geologiche. Il territorio è piuttosto aspro, regala alcuni squisiti prodotti della terra come la fava, le melanzane bianche, i pomodori, l’uva.

 

Come sei riuscita ad inserirti nel contesto sociale della tua nuova città? Dove abiti di preciso?

Abito ad Akrotiri, un villaggio nel sud dell’isola situato vicino al Sito Archeologico e alla Spiaggia Rossa. Frequentando il villaggio dal 2005 sono riuscita anno dopo anno a costruirmi una piccola rete di conoscenze ed amicizie e ad un certo punto di questo percorso ho deciso di iniziare a studiare il greco, anche se non ero certa a quel tempo che mi sarei trasferita qui. La conoscenza della lingua mi ha aperto molte porte e la comunità locale mi ha accolta molto bene per questo motivo.

 

Che cosa significa “vivere in un’isola”? Quali sono le differenze rispetto al continente?

Santorini è un’isola molto lontana dalla terra ferma. C’è un porto e un aeroporto che collegano l’isola piuttosto bene e frequentemente con altre isole, Atene e altre città. Vivere su un’isola significa vivere un ritmo diverso da quello della città.

Spesso le giornate dipendono dalle condizioni climatiche, in inverno specialmente. Non c’è Amazon (si può vivere senza eh!), ma sull’isola si trova più o meno tutto. Le case non hanno indirizzi specifici, non esistono: si ha una cassetta postale oppure il corriere impara a conoscerti e a sapere che sei amica della farmacista e lasciano la tua posta direttamente in Farmacia! Vivere su un’isola, soprattutto di inverno, significa amare un po’ di solitudine e tranquillità, alcuni posti sono chiusi e molte persone lasciano l’isola per viaggiare o perché sono lavoratori stagionali. Io devo dire che amo molto l’inverno, è la mia stagione preferita.

 

Ci sono molti italiani che vivono a Santorini? Anche pensionati?

C’è una comunità internazionale di persone che si sono trasferite a Santorini, alcuni sono italiani e ci sono anche dei pensionati.

 

Cosa ci racconti della popolazione autoctona dell’isola?

All’inizio le persone locali possono sembrare un po’ chiuse ma si aprono facilmente soprattutto se intuiscono il rispetto e l’amore per l’isola da parte di chi arriva. Sicuramente parlare la lingua regala una posizione ideale e permette a chi si trasferisce di capire in profondità l’unicità di quest’isola che ha tante storie da raccontare. I locali sono persone che hanno un legame profondo con la terra (molti sono contadini) e girando per l’isola: li vedrete spesso al lavoro, chini a raccogliere i pochi frutti che il terreno regala.

 

Come funziona e com’è il servizio sanitario in loco?

A Santorini c’è un ospedale dal 2016. E’ una struttura nuova ed efficiente ed ha apportato notevoli miglioramenti nella vita quotidiana dell’isola (fino al 2016 ad esempio le donne dovevano recarsi ad Atene per partorire). Le unità presenti sono: medicina generale, ginecologia, cardiologia, servizi sociali, odontoiatria, ortopedia, urologia, patologia, pediatria, chirurgia, psicologia.
Non tutti i villaggi hanno un dottore generico ma una volta alla settimana un dottore è disponibile in ogni paesino per visitare pazienti, scrivere ricette, etc.

 

Se si volesse trasferire una famiglia, ci sono buone prospettive a livello scolastico per i figli? E lavorativamente parlando?

In quasi tutti i villaggi ci sono un asilo, scuola elementare e media (i corrispettivi per intenderci). Le scuole superiori sono a Fira. C’è anche una scuola professionale serale. Non ci sono università.
Lavorativamente parlando Santorini è un’isola che dipende quasi unicamente dal turismo quindi le migliori opportunità sono in questo campo. La stagione è piuttosto lunga, di solito inizia a fine marzo/inizio aprile e termina a fine ottobre/metà novembre.

 

pensionati in Grecia

Vivere a Santorini, Grecia

 

Quanto costa di media l’affitto di un appartamento a Santorini? E di una casa singola?

I prezzi partono da un minimo di 400 euro mensili senza le spese per un monolocale (chiamato ‘studio’) salendo a 600 euro per un bilocale e così via. Ma dipende moltissimo dalla zona. In alcune zone, come ad  Oia, è davvero quasi impossibile trovare un affitto permanente poiché tutte le case/appartamenti sono attività turistiche.

 

Ci sono dei vantaggi economici nel costo medio della vita rispetto all’Italia?

Il costo della vita è piuttosto caro essendo un’isola così turistica, che non produce molto ed è lontana da tutto. L’assicurazione della macchina ha un costo inferiore rispetto all’Italia, il costo della spesa al supermercato è più o meno in linea con l’Italia, mangiare fuori ha un migliore rapporto qualità/prezzo nei confronti dell’Italia.

 

Come ci descrivi la popolazione locale? E’ semplice stringere nuove amicizie?

Conoscere la lingua aiuta notevolmente ma quasi tutti parlano anche inglese quindi è possibile stringere amicizie senza difficoltà. C’è una piccola comunità internazionale che abita sull’isola in modo permanente. Ci sono alcune occasioni di ritrovo anche in inverno che facilitano molto l’integrazione e la conoscenza di nuove persone: cineforum e molti corsi da seguire, ed. ceramica, pittura, teatro.

 

Un consiglio per tutti gli italiani che stanno già pensando di trasferirsi a Santorini….

Il mio consiglio è quello di visitare l’isola fuori stagione quando mostra la sua vera bellezza e personalità. Sicuramente consiglio di iniziare a studiare la lingua perché, oltre ad essere una forma di ‘rispetto’ verso il paese che ci accoglie, è anche un ottimo biglietto da visitare per integrarsi.

 

Vuoi saperne di più? Contattaci per una consulenza gratuita presso la nostra sede di Cittadella (Pd), oppure anche telefonica. Chiamaci 24 ore su 24 al numero 049 5974053 e lasciaci un messaggio: sarai contattato quanto prima per maggiori informazioni. Se preferisci scrivere, questa è la nostra email: info@reframed.it

REFRAMED si occupa di organizzare viaggi esplorativi pre-trasferimento in diverse destinazioni europee ed extra-europee. Si occupa anche di realizzare tutte le pratiche burocratiche necessarie per il trasferimento.

 


Condividi