Ciao Salvatore, ci racconti qualcosa di te: quanti anni hai, dove sei nato?

Ciao a tutti, ho 32 anni e sono nato a Ginevra, in Svizzera,  ma sono cresciuto in Italia (a Milano) sin da bambino.

Avevi già vissuto all’estero precedentemente?

Si, ho vissuto in altri paesi per motivi di lavoro.

Quali motivazioni ti hanno spinto ad andare via dall’ Italia?

La voglia di imparare nuove lingue e conoscere realtà culturali diverse. Il lavoro per me è stata una scusa valida per giustificare spostamenti.

Da quanto tempo ti sei trasferito in Portogallo e perché hai scelto proprio Aljezur?

Sempre per lavoro sono finito da queste parti 5 anni fa, ho avuto la possibilità di conoscere bene la zona e mi sono innamorato della natura, delle persone, della qualità della vita, delle spiagge incontaminate della Costa Vicentina ecc. Spinto dalla voglia di avviare un mio progetto di lavoro e vita, ho visto un grande potenziale qui e così ho deciso di fermarmi.

Di cosa ti occupi qui?

Abbiamo avviato l’anno scorso un progetto di turismo rurale che ad oggi è la mia occupazione principale. Lavoro anche come insegnante di surf ed accompagnatore per escursioni sportive e non.

Cosa c’è di particolare nella Costa Vicentina, che non hai trovato da nessun’ altra parte?

Quando ti trovi qui inizi a vivere ciò che ti succede in modo diverso, di colpo hai la percezione che il posto, le persone, gli stimoli di vita che ricevi giornalmente sono esattamente quello di cui hai bisogno e che ti rende felice. Come me molte altre persone, in questi luoghi, hanno avuto questa percezione che li ha portati a decidere di fermarsi ed iniziare un progetto di vita qui.

Per me qualità della vita è: poter vivere all’aria aperta a contatto con la natura; poter mangiare pesce appena pescato e verdura e frutta di qualità (pagandola pochissimo); poter finire la mia giornata vedendo il sole che cade in mare, seduto sulla tavola da surf o dai cliff della costa; vivere vicino ad un paesino dove, oltre agli anziani del posto (belle persone) ci sono giovani e non solo provenienti da tutta Europa che iniziano progetti, aiutandosi ed incontrandosi per scambi culturali – musica, teatro, agricoltura, cucina. L’essere in questo angolo di paradiso e sapere che con un’ora di macchina sono già all’ areoporto più vicino per poter volare dove voglio. Non mi manca la città, ma spesso mi muovo verso la costa sud che dista 30-40 minuti per ricordarmi di cosa significa vivere in città.

 

 

Aljzeur, foto di Salvatore

Aljzeur, foto di Salvatore

 

A chi consiglieresti questa regione, la costa ovest dell’Algarve?

Consiglierei questa regione per tutti quelli che cercano un Portogallo autentico, tra campagna e oceano, con un ritmo di vita tranquillo.

E per i pensionati italiani?

Per i pensionati credo sia un posto fantastico. Se fossi pensionato con qualche soldino da parte, comprerei una casa grande autonoma magari con 2 extra stanze per gli ospiti.

Che tipo di vita dovrebbero immaginarsi di fare qui?

Vita di campagna, di paese, di relax e attività sportiva a contatto con la natura.

Quali sono i prezzi medi degli affitti in questa zona del Portogallo? Ed una casa in vendita?

Gli affitti costano circa 350-500 € per casette autonome dai 30 ai 150 m2  in paese e fuori. Comprare casa costa dai 1.500 ai 2.000 al m2.

Quali sono secondo te i paesi più belli dove vivere?

Ad Aljezur, Arrifana, o in Val de Telha ci sono molte possibilità di trovare case, o meglio: villette.  Altrimenti terrei in considerazione anche la città di Lagos,  tanto amata per il clima mite tutto l’anno.

Cosa ti manca dell’Italia e come riesci a mantenere le relazioni familiari da lontano?

L’Italia è molto vicina: un’ora in auto per spostarmi da Aljezur all’aeroporto di Faro,  e poi il volo che dura circa 2 ore. Qui mi sento a casa, ci sono anche tanti italiani che contribuiscono a non farmi mancare l’Italia.

Mangiare bene: cosa ci dici della gastronomia della regione?

Zuppette, piatti di pesce e carne, abbinati ad ottimi vini. Si mangia molto bene in Portogallo, cucina semplice che punta alla sostanza più che alla presentazione. E costa poco.

Il clima ad Aljezur: come lo descrivi?

I mesi invernali Dicembre- Marzo hanno temperature variabili da 5°-8° minime a 18°-20° massime. Nella zona di Lagos, di media, ci sono 3 o 4 gradi in più. Aprile e Novembre sono mesi pazzerelli. Maggio e Ottobre sono mesi di secco e caldo ma anche ad Agosto, di sera, ci va una felpina e si dorme sempre con la coperta.

Che cosa significa dal punto di vista emotivo e personale, decidere di trasferirsi definitivamente all’estero?

Emotivamente è molto stimolante, nessun trauma anzi: l’Italia è “dietro l’angolo” , e sembra quasi di aver cambiato città più che paese.

Un consiglio al volo per chi sta pensando di fare la tua stessa scelta…

Non pensarci troppo, venire qui, toccare con mano e capire in prima persona come si sta. La decisione così, sarà molto più facile 😉

 

Salvatore è collaboratore di REFRAMED per la Costa Vicentina, Portogallo ovest: se stai pensando di partire per un viaggio esplorativo finalizzato alla conoscenza di questa località, Salvatore in persona ti accoglierà al tuo arrivo all’aeroporto, e ti guiderà nella conoscenza di questa fantastica regione portoghese.

Contattaci per ricevere maggiori informazioni o per richiedere una proposta di viaggio esplorativo. REFRAMED si occuperà anche di realizzare tutte le pratiche necessarie al tuo trasferimento: ecco i prezzi per ogni paese da noi proposto.

Salvatore ad Aljezur

Salvatore ad Aljezur